Pagelle Lazio-Udinese 3-0




La Lazio vince 3-0 contro l’Udinese nel recupero della 12a giornata e vola al terzo posto a 46 punti, collezionando vari record (da quello dei punti nel girone d’andata a quello dei gol). Ecco le pagelle dei biancocelesti:

STRAKOSHA 7: Strepitoso tra i pali, rivedibile (eufemismo) con i piedi. Compie due prodezze, ma sulla seconda riscatta un suo errore quando regala palla agli attaccanti friulani.

RADU 6: Torna dopo la squalifica e non deve fare gli straordinari, prende una botta nel primo tempo ma riesce a concludere la partita senza problemi.

DE VRIJ 6.5: La solita sicurezza dietro, se le squadre avversarie non si avvicinano nemmeno alla porta, a volte è merito suo che sbroglia tante situazioni in principio d’azione.

WALLACE 6: Dopo tante prestazioni mediocri o insufficienti, non deve sudare poi tanto e quindi arriva per lui la sufficienza. Sarà chiamato però in esami più difficile prossimamente.

BASTA 6.5: Torna titolare ed ha un ottimo impatto sulla partita. Sfiora anche il gol in due occasioni, buona prestazione.

PAROLO 7: Il primo gol è anche merito suo, era alle spalle di Samir, e pronto a mettere la palla dentro. Ha lottato e corso su tutti i palloni, oggi la Lazio ha vinto anche grazie ad un grandissimo centrocampo.

LEIVA 7.5: Il migliore in campo. Sradica palloni, recupera, lotta, imposta, non si ferma. Fa tutto lui, una luce in mezzo al campo. L’unica sbavatura arriva su quel pallone rinviato male da Strakosha, ma il 90% delle colpe è del portiere in quell’occasione.

MILINKOVIC-SAVIC 6.5: La grande cosa sul primo gol la fa lui: merito suo se il risultato si sblocca. Prova anche la marcatura personale nella ripresa, per oggi va benissimo così. Esce per crampi.

LUKAKU 6.5: Buona la sua corsa e spinta sull’out sinistro. Sbaglia qualche cosa di troppo, ma nulla di preoccupante. Eppure, si ha la sensazione che riesca a rendere meglio quando subentra.

FELIPE ANDERSON 7: Nel primo tempo è abulico, si pesta i piedi con Nani e sonnecchia. Ma gli bastano due palle nel secondo tempo per mostrare tutto il suo talento: prima l’assist perfetto per Nani, poi la marcatura personale nel finale.

NANI 6.5: Come Anderson, non un grandissimo primo tempo. Nel secondo però si riscatta e segna un gran gol, facendosi trovare pronto all’appuntamento, sulla palla messa in mezzo dal brasiliano.

LULIC 6: Entra sul 2-0 e si piazza mezzala, tornando ad un ruolo che ogni tanto rispolvera.

LUIS ALBERTO 6: Anche lui entra a giochi fatti ma mostra subito la sua qualità con un paio di palle in verticale niente male.

MURGIA S.V.

INZAGHI 7.5: E’ sempre più la sua Lazio, quella dei record. Segnati 13 gol nelle ultime 3 gare, miglior attacco del campionato, miglior Lazio di sempre nel girone d’andata. Terzo posto solitario, un gioco da paura. Cosa dire di più? Che vince le partite con chiunque giochi! Fa turnover, manca Immobile, ma la squadra non ne risente.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!