Pagelle Lazio-Torino 1-3




Una direzione di gara scandalosa e vergognosa fermano la Lazio, c’è poco da parlare di calcio questa sera e anche stilare pagelle è un compito difficile. Proviamo a farlo, in base a ciò che i giocatori biancocelesti hanno effettivamente fatto in campo:

STRAKOSHA 6: Non deve compiere interventi, sui gol non ha colpe.

BASTOS 6: Regge bene l’urto nel primo tempo, poi esce per dar spazio agli attaccanti dopo il vantaggio granata.

DE VRIJ 6: Incassa tre gol senza colpe, nel primo tempo aveva retto bene. Si vede sui piazzati.

RADU 5: Il peggiore in campo, spesso manca di lucidità e commette qualche leggerezza di troppo. Grosse responsabilità sul terzo gol.

MARUSIC 6: Scende la fascia con consistenza, nel primo tempo è tra i più propositivi.

PAROLO 5.5: Finché c’è una partita in campo gioca bene, nel secondo tempo non si nota più. E’ uno dei più reattivi nel protestare ma serve a poco.

LEIVA 6.5: Gioca una grande partita, a centrocampo ma anche in attacco dove va a fare la prima punta o quasi in assenza di Immobile. Poteva segnare il vantaggio ad inizio secondo tempo, peccato. Esce subito dopo.

MILINKOVIC-SAVIC 6: Arriva su quasi tutte le palle alte, ha voglia, ci mette tutto quello che ha.

LUIS ALBERTO 7: Il migliore in campo. Segna un gol bellissimo, prova a dare la carica, smista palle a tutti. Esce lamentando un infortunio e lascia i suoi in 9. Si spera nulla di grave.

IMMOBILE 6: E’ il protagonista di quanto successo questa sera. L’uomo-scandalo. Da rimanere senza parole. Si conquisterebbe un rigore netto per tutti tranne per Var e arbitri, coglie il palo e subito dopo ha una piccola scaramuccia con Burdisso che gli costa il rosso. Avrebbe potuto evitare quel comportamento? Sì, ma fondamentalmente è solo un accenno, se ne vedono di peggiori ogni settimana. La verità è che alla Lazio non perdonano niente, perché probabilmente là sopra dà(o forse era più giusto dire dava) fastidio. Mancherà per, probabilmente, almeno due giornate e ora Inzaghi dovrà fare di necessità virtù.

BASTA 6: Entra per cercare di dare una mano, va vicino ad un bel gol che Sirigu gli nega.

FELIPE ANDERSON 6.5: Grande voglia per il debutto in campionato del brasiliano, contando anche il momento delicato della sfida. Promosso, potrà trovare più spazio nelle prossime gare.

CAICEDO 5.5: Si vede poco, ma in quelle circostanza, con quella situazione, poteva fare davvero poco.

INZAGHI 6.5: Un voto neutro per il mister, in quanto non si può dire cosa sarebbe successo senza ciò che abbiamo visto. Sicuramente è da elogiare per la voglia di non mollare mai, di giocarsela anche in 10 fino alla fine. Ora dovrà essere bravo lui a trovare un senso per le prossime partite, che forse, in questo contesto, un senso non hanno.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!