Pagelle Lazio-Sampdoria 7-3




La Lazio vince 7-3 contro la Sampdoria e torna in Europa, ecco le pagelle dei biancocelesti:

STRAKOSHA 7: Compie due autentiche prodezze sull’1-0 su Quagliarella e Linetty, attento in altre circostanze. Peccato per i tre gol subiti, complessivamente troppi.

WALLACE 6: Il meno ispirato del pacchetto arretrato, si perde Quagliarella e per una difesa che si fa infilare tre volte nonostante la goleada non è un bene.

DE VRIJ 6.5: Bellissimo il suo gol, dalla distanza. Dietro non è impeccabile così come un po’ tutta la linea difensiva, ma dà il suo contributo in termini di marcature.

HOEDT 6.5: Vale lo stesso discorso fatto al suo partner d’attacco, va vicino anche alla doppietta. Sulle palle inattive c’è sempre.

LUKAKU 6.5: Buona la sua partita, condita da ottimi spunti. Prova a partecipare al festival del gol ma non è fortunato.

LULIC 7.5: Un motorino instancabile che segna anche il gol del momentaneo 6-1. E’ ovunque: a difendere, attaccare.

BIGLIA 7: Buona prova di sostanza per l’ex Anderlecht, sempre più il faro della squadra biancoceleste. Quando si accende lui la Lazio gira, bello il gesto di lasciare entrambi i rigori ai compagni.

MILINKOVIC-SAVIC 7: Appena la partita comincia è subito protagonista con l’assist per Keita. E’ in crescita costante, vuole partecipare alla festa ma sbaglia troppo sotto porta, a volte volendo fare anche il “fenomeno”. Ma oggi va bene così.

FELIPE ANDERSON 7: E’ tornato il Felipe che conosciamo che ha nella Sampdoria, così come nel Torino, uno dei suoi bersagli preferiti. Segna il rigore, opportunamente lasciatogli dai compagni.

KEITA 8.5: E’ l’uomo del momento in casa biancoceleste, sei gol nelle ultime tre gare. Segna il primo gol dopo 2′, si procura il rigore del 2-0 con un’altra magia delle sue, e infine regala un assist spaziale ad Immobile per la settima rete di giornata. Un marziano, ma il futuro in biancoceleste è lontano…

IMMOBILE 8: Segna una doppietta, e vola a 22 gol in serie A, eguagliando il suo record in serie A, stabilito nell’anno che fu capocannoniere al Torino. Trascina la Lazio in Europa, era da anni che in biancoceleste non c’era un bomber così prolifico.

INZAGHI 9: Confermiamo il voto che gli abbiamo dato al derby, è lui il valore aggiunto, la vera sopresa di questa Lazio. Riporta i biancocelesti in Europa con il record di punti nell’era Lotito con ancora tre partite da giocare, e una finale di Coppa Italia tutta da vivere. Meglio di così…

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!