Pagelle Lazio-Napoli 1-2




Parte male la nuova stagione biancoceleste, sconfitta per 1-2 dal Napoli. Ecco le pagelle dei biancocelesti:

STRAKOSHA 6: Può poco sui gol, fa una bella parata su Milik. Respinge quel che può.

LUIZ FELIPE 6: Partita sufficiente, non commette sbavature nè imperfezioni. Peccato per l’infortunio che sicuramente lo mette out almeno fino alla sosta.

ACERBI 6.5: Buono il debutto dell’ex Sassuolo, che non fa cose trascendentali in una serata difficile, ma non fa nemmeno rimpiangere De Vrij. E quel palo al 90′ sta ancora tremando… Che sfortuna!

RADU 5: Dispiace, ma è stato uno dei peggiori in campo. Ha responsabilità su entrambi i gol, in particolare sul primo. E dire che era stato eroico uscendo in barella ed entrando pochi secondi dopo, da vero guerriero. Ma con il senno di poi, forse era meglio uscire… Nervoso con Callejon nel finale.

CACERES 6.5: Una buona partita di sostanza, anche se non ha ancora la miglior condizione e nemmeno i 90′ nelle gambe e si vede. Può essere riproposto sia sulla fascia che in difesa: è un giocatore su cui puntare, contando quel che la Lazio ha in difesa…

PAROLO 5.5: Partita anonima, si intravede poco. Il peso degli anni, forse, inizia a farsi sentire…

BADELJ 6.5: Anche per lui un buon debutto. I nuovi acquisti si sono lasciati preferire. Nel primo tempo è il faro del centrocampo e non sbaglia un passaggio nè un intervento. Cala nella ripresa fino all’inevitabile sostituzione.

MILINKOVIC-SAVIC 5: Tutti lo attendevamo, ma chi l’ha visto?! Partita anonima, impalpabile. Se questo è il Campione che vale i 120 milioni…

MARUSIC 5.5: Anche il terzino non è in forma, si è intravisto più per alcuni falli che per meriti.

LUIS ALBERTO 5.5: Un altro desparecido della serata. Tenta qualche giocata, Karnezis gli nega un bel gol (e il fuorigioco non c’era, con il Var…) ma poi non si è mai visto.

IMMOBILE 6.5: Grandissimo gol e il solito, immenso, Ciro. Si batte anche da solo, a volte troppo egoista, ma forse è davvero l’unica arma laziale.

BASTOS 5: Ha colpe sul secondo gol, con la palla a due passi non la respinge via, facendola arrivare comodamente ad Insigne. Nel recupero fa il fenomeno su Milik, a cui nega la doppietta, ma ormai il danno era già stato fatto…

CORREA 6: E’ entrato bene, ha corsa e grinta. Magari non sarà Anderson ma questo ragazzo ha talento. Vedremo cosa farà con questa maglia.

CATALDI S.V.: Perchè? Why?!

INZAGHI 4.5: Dispiace dirlo, ma probabilmente questa sera è lui il peggiore, e ha sulla coscienza sconfitta e diverse situazioni. Perché insistere sulla difesa a 3 quando è da anni quello il problema, tra l’altro non rinforzata (ma indebolita) sul mercato? Perché è testardo su alcune scelte? Perché Cataldi alla fine e non gettare nella mischia un Caicedo (o un Rossi)? Anche nella comunicazione, nelle frasi dette tra la conferenza di presentazione e dopo la gara, fa capire che ha un po’ di confusione nella testa e questo non sarà un anno facile per i biancocelesti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!