Pagelle Lazio-Milan 1-1




La Lazio pareggia in extremis contro il Milan grazie ad un gol di Correa al 94′. Ecco le pagelle dei biancocelesti:

STRAKOSHA 6.5: Incolpevole sul gol, compie un paio di parate importanti. Mette i brividi quando deve rinviare o ha il pallone tra i piedi e in un’occasione rischia grosso.

WALLACE 5.5: Sfortunato con la deviazione su Kessiè, oltre all’autogol (come assegnato dalla Lega) la sua prestazione è stata sufficiente. Donnarumma gli nega il gol.

ACERBI 6.5: Una sicurezza in mezzo alla difesa. Le prende tutte, imposta e mette in difficoltà i rossoneri con i suoi centimetri.

RADU 6: Sbroglia alcune situazioni, mentre in altre va in affanno e si fa sorprendere da Suso e Calabria.

MARUSIC 5.5: Anche lui è spesso in ritardo sugli avversari, non affonda mai e quando lo fa sbaglia clamorosamente.

PAROLO 6.5: Il migliore in campo insieme a Correa autore del gol. Si inserisce, lotta a centrocampo, lo trovi ovunque. E’ in un momento di forma spettacolare.

BADELJ 6.5: Buona la sua gara. Se sta bene, ci ritroveremo un titolare in più.

MILINKOVIC 5: Non si capisce cosa ha, ma sta diventando irritante. Si propone poco, è molle, sembra fare il compitino. Un po’ di panchina gli farà bene…

LULIC 6: Sufficienza di stima, si vede poco. Finisce da mezzala con l’ingresso di Lukaku.

LUIS ALBERTO 5.5: Come Milinkovic anche lui è lontano dagli standard dell’anno scorso. Ma qualcosa in più fa e ci prova, anche cercando quegli uno-due con Immobile che l’anno scorso hanno fatto le fortune della Lazio. Ma non è più Natale…

IMMOBILE 6: La solita partita fatta di grinta, corsa, volontà, palloni recuperati in tutte le zone del campo, sovrapposizioni, lotta. Davanti però incide poco, nel primo tempo Donnarumma gli nega il gol.

CORREA 6.5: E’ lo spacca-partite della Lazio. Entra ed è decisivo, sempre di più. Grande gol a coronamento di una mezz’ora fatta bene.

LUKAKU 5.5: Come Milinkovic e Luis Alberto è lontano dagli standard dell’anno scorso. Dovrebbe dare la spinta in più sulla fascia, finsice per soffrire in fase difensiva e perdersi Calabria in occasione del gol.

CAICEDO S.V.

INZAGHI 6.5: Alcuni lo hanno criticato per le scelte di affidarsi ancora a Milinkovic e Luis Alberto, altri si sono lamentati di averli tolti dopo un’ora di gioco. Invece il mister ha fatto tutto bene, almeno questa sera. Nulla da dire, la prestazione e la voglia c’è stata. Poi gli episodi e l’imprecisione non sono stati dalla sua parte, un peccato. Almeno strappa il punto che non infrange il tabù-grandi, ma almeno non conferma il trand.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!