Pagelle Lazio-Lecce 4-2




La Lazio batte 4-2 il Lecce e centra la quarta vittoria consecutiva in serie A. Ecco le pagelle dei biancocelesti:

STRAKOSHA 7.5: Partita non facile quella dell’albanese che è chiamato varie volte in causa. Per poco non riesce a respingere la rete di Lapadula, compie un doppio miracolo su Babacar, il primo su azione, il secondo su rigore. Incolpevole sulla seconda rete, nel finale impedisce al Lecce di rientrare seriamente in gara. Gli si dice che non para mai un rigore, per una volta ci smentisce…

ACERBI 6: Il voto sale per l’assist sul gol di Milinkovic, una sua invenzione, e per l’insolito ruolo di ala ricoperto alla grande. Ma dietro è, stranamente e per la seconda partita consecutiva, un disastro. Sbaglia le marcature, si perde Lapadula in occasione della ribattuta sul rigore. Non è preciso. L’impressione è che sul centro-sinistra non renda come da centrale vero e proprio. Se due indizi non fanno una prova…

LUIZ FELIPE 6.5: Il più sicuro nel pacchetto arretrato, Lapadula a parte sull’azione del rigore, non sbaglia quasi nulla.

PATRIC 5.5: Partita quasi sufficiente non dà né toglie. Ma se Inzaghi sostituisce proprio lui per Bastos, significa che nemmeno al mister dà tutta questa sicurezza. Errori banali su alcuni appoggi.

LULIC 6: Il Capitano, tranne su un lancio per Milinkovic, si vede poco o nulla. Non commette disastri ma non ha nemmeno troppi meriti.

LUIS ALBERTO 5.5: Non è giornata per lo spagnolo, ha davvero le polveri bagnate. Si divora due o tre gol, ma quello a porta vuota ha del clamoroso. Per fortuna si riscatta parzialmente con l’assist per Correa. Non si demoralizza e tutte le azioni passano da lui.

LEIVA 6: Non sta bene e si vede. Il giallo che prende è la conferma. Inzaghi lo sostituisce per entrambi i motivi.

MILINKOVIC-SAVIC 7: Partita non banale quella del Sergente che finalmente torna al gol su un lampo improvviso. Fin lì però era stato il solito fantasma. Nel proseguo commette il fallo da rigore su Mancosu (i dubbi restano) e si guadagna il penalty sul fallo di mano di Meccariello.

LAZZARI 6.5: Buona partita del “Treno”, tornato sui livelli di Ferrara. Corre tanto, non è molto preciso sui cross.

CORREA 7.5: Finalmente decisivo e goleador. Non lascia scampo a Gabriel sul diagonale dopo l’assist di Luis Alberto, nel finale straripa con il gol del poker. E’ la sua giornata.

IMMOBILE 6.5: Premiato ad inizio partita per questi numeri da capogiro nelle ultime settimane nel giorno della presenza numero 200 in serie A. Non è autore di una grandissima prova poi segna su rigore e manda in porta Correa.

CATALDI 6.5: Entra al posto di Leiva e conferma di essere in forma.

BASTOS 5: Entra per contenere gli attacchi salentini e si perde La Mantia nettamente sul gol del 4-2.

BERISHA S.V.

INZAGHI 7: Era una partita difficile, la Lazio aveva tutto da perdere contro un avversario nettamente inferiore tecnicamente ma molto organizzato, che sa come far male in tutte le gare. Il Lecce non si arrende mai e farà strada. Vittoria non banale o da sottovalutare, ma ci sono alcune cose da rivedere, come i gol subiti, la gestione delle gare.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!