Pagelle Lazio-Genoa 1-2




La Lazio perde malamente contro il Genoa, ecco le pagelle dei biancocelesti nell’uscita, probabilmente, più brutta stagionale:

STRAKOSHA 6: Sui gol può poco (ne incassa 3, contando quello annullato dal Var), per il resto inoperoso.

CACERES 5.5: Buono il cross per il gol di Parolo, sbaglia in occasione del gol annullato a Laxalt, ma per fortuna c’è il Var che segnala che Laxalt si era aiutato con il braccio.

DE VRIJ 5: Stasera in difesa è il principale responsabile per i gol subiti, sul primo sicuramente. E’ umano, anche lui sbaglia…

RADU 6.5: Il migliore là dietro. Imposta, detta i tempi e fa recuperi prodigiosi alla 300a presenza in biancoceleste, a 10 anni dalla prima volta!

MARUSIC 6.5: Anche lui si guadagna una più che meritata sufficienza, con alcuni numeri che riescono a mettere in difficoltà il Genoa.

MURGIA 4.5: Scelta sbagliata, partita sbagliata. Non si vede quasi mai, forse se le sue qualità sono queste, faceva bene Inzaghi ad impiegarlo raramente…

LEIVA 5.5: Attento a non commettere falli per non guadagnare un giallo che significa squalifica essendo sotto diffida. Ci prova con un tiro ad inizio ripresa e va vicino al vantaggio, per il resto appare stanco anche lui.

PAROLO 6: Buono solo il gol, molto bello e difficile. Per il resto la sua partita è stata sofferta e quando ha provato ad andare in avanti, ha spesso fatto cilecca, tranne appunto, sulla rete.

LUKAKU 5.5: Impreciso. I suoi cross e lanci non sono dei migliori, e la qualità migliore, ovvero saltare l’uomo, gli riesce una volta sì, due no. Dà l’impressione di saper far di più quando subentra.

LUIS ALBERTO 5: Spento, non riesce a far nulla. Ci prova allora, nel primo tempo soprattutto, con i tiri dalla distanza: i suoi unici lampi.

IMMOBILE 5: Come Luis Alberto. E’ troppo isolato là davanti, ha una muraglia contro ogni qual volta tocca palla. Ci prova nel finale ma è poco.

NANI 5: Anche lui, quando entra, non si vede mai. Un fantasma.

FELIPE ANDERSON 4.5: Come Nani, con l’aggravante che la palla la vede spesso ma è irritante, svogliato, sbaglia tutto quello che c’è da sbagliare.

PATRIC 4: Messo dentro al posto di Caicedo (quando è stato annullato il gol a Laxalt grazie al Var) probabilmente per non rischiare dietro e tentare il tutto per tutto, finisce invece per essere lui la causa della sconfitta: perde il duello nettamente con Laxalt (non un vatusso) sul gol decisivo avversario.

INZAGHI 4.5: Probabilmente alla prima insufficienza netta non solo della stagione ma della sua intera gestione. Può capitare, ma stasera davvero ha sbagliato tutto. Dalla formazione iniziale ai cambi. Perché Murgia e non Nani o Anderson, considerando come gioca e si difende il Genoa? Perché togliere Marusic che stava spingendo alla grande? Perché mettere Patric e non Caicedo? Quasi un cambio difensivo sull’1-1, che poi costa il gol fatale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!