Pagelle Inter-Lazio 0-1




La Lazio fa l’impresa, espugnando San Siro. Ecco le pagelle dei biancocelesti:

STRAKOSHA 6.5: Risponde presente quando chiamato in causa, non deve fare straordinari. Ma è puntuale su tutte le uscite e prese comode: ne effettua almeno una decina. Un sospiro di sollievo ogni volta.

LUIZ FELIPE 7.5: Il migliore là dietro. Parte non bene, poi si riprende alla grande e chiude in crescendo. Alla fine su ogni intervenuto esulta come un gol, questa è anche la sua serata e la sua vittoria.

ACERBI 6.5: Il solito baluardo lì dietro, difende con disinvoltura senza dover fare miracoli.

BASTOS 7: Bene anche l’angolano, sfiora anche un gol che solo Handanovic gli nega. Il rischio però nel finale dell’autogol è forte…

ROMULO 6.5: Schierato al posto di Marusic, è autore di una prova discreta. Perde qualche pallone e duello di troppo, non sempre è preciso o puntuale, ma va bene così.

MILINKOVIC-SAVIC 8: Il migliore in campo, è tornato mister 100 milioni. In settimana si erano avuti segnali di un suo ritorno. Oltre al gol, svetta su tutti i cross, chiude e fa ripartire la squadra.

LEIVA 6.5: Solito lavoro davanti la difesa, cattura una quantità di palloni e ne rilancia tanti altri. Corre anche lui qualche rischio, nel primo tempo un suo brutto errore lancia un avversario.

LUIS ALBERTO 7: Se Milinkovic è tornato, lui è una conferma. Ottimo il cross, ma la sua partita non è solo quello ma anche tanti spunti e verticalizzazioni vecchio stampo. Da rivedere solo sui corner.

LULIC 6: Motorino instancabile, prestazione sufficiente, esce stremato.

CORREA 6.5: Sfortunato, deve lasciare il campo dopo 27′. Fino ad allora buona prestazione.

IMMOBILE 6.5: Generoso, prova a lanciare in porta Caicedo. Finisce stremato e stanchissimo.

CAICEDO 6: Combatte, lotta di fisico e su tutte le palle. Geniale il tacco per Immobile. Sbaglia due gol sotto porta molto simili, soprattutto quello nel secondo tempo ricorda un po’ quello Champions fallito a Crotone. Ma questa sera più che demerito suo, è stato merito di Handanovic.

PAROLO 6.5: Porta sostanza al centro del campo, prezioso nel finale.

DURMISI S.V.

INZAGHI 7: Che bella vittoria, un’impresa! Da rivedere solo un po’ la gestione dei vantaggi: potrebbe affondare, invece spesso la squadra è troppo prudente quando dovrebbe ammazzare l’avversario, non chiudendo le partite e rischiando nel finale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!