Pagelle ignoranti Lazio-Chievo


PAGELLE IGNORANTI TIME!
BERISHA VOTO 7: Si fa fottere come un rolex nel peggior quartiere di Napoli dopo 5 minuti. Viene bestemmiato ripetutamente fino a che non decide di salvare la partita parando il rigore a Paloschi. Fondamentali i baffetti da portatore sano di peste che gli permettono di intuire la direzione del tiro. BAFFO MAGICO.

KONKO VOTO 6,5: Tecnica di un pavone sterilizzato, corsa di uno struzzo, paura di entrare nella metà campo avversaria e si esce a sbagliare i disimpegni. No seriamente, perché cazzo si ferma quando si accorge di avere davanti degli avversari? Con quella pelata io non avrei paura di niente. SAITAMA NEGRO.

BISEVAC VOTO 7,5: Rozzo, brutto, sporco, maleducato e prossimo alla scoperta del fuoco. Tappa ogni buco nella difesa e non contento tappa anche tutti quelli di Paloschi.FRED FLINTSTONE.

RADU VOTO 5: Tra lui e Bisevac c’è poco più di un anello evolutivo di differenza, da Uomo Erectus a Uomo Spaco Botilia. Gioca decentemente tanto che grazie allo streaming proveniente direttamente dalle grotte dell’Arabia Saudita in 120p non sono riuscito a distinguerlo da chi è munito di piedi meno storti. Siccome stavamo controllando troppo bene la partita decide di farsi espellere e concedere rigore, ma almeno ha trovato il tempo per montare il motore a vodka sulla Polo nera senza specchietti dello zio Adrian. LAME AND FURIOUS.

LULIC VOTO 7,5: Lo trovi dappertutto, tipo il tizio basso, rachitico, coi capelli a caschetto, occhiali tondi blu e camicia marrone chiaro nei licei. Ogni tiro al volo sono una madonna volante. Nel senso che da quanto tira sballato le madonne le fa sprofondare veramente dal cielo a pallonate. SPICCA SANTI.

PAROLO VOTO 7,5: Ci prova più volte di un 80enne con la sua badante bielorussa ma non la insacca mai. Storia triste ma vera. COMPATITO.

MILINKOVIC-SAVIC VOTO 6: Gioca a rugby 45 minuti ammazzando mezzo centrocampo Clivense e viene sostituito senza un motivo valido. A quanto pare nella notte ha stroncato gli occhi a Basta. O quantomeno gli ha rubato le borse. CONTRABBANDIERE DI BORSE TAROCCHE.

CATALDI VOTO 7,5: Solita partita con più palle perse che merendine scroccate, finché non decide di stampare un FrecciaRossa in faccia a Bizzarri. Subito dopo scappa sotto la curva inseguito da un Claudio Lotito in versione controllore che minaccia di multarlo se non mostra il biglietto. Al 7o passo il sessantenne cede, arranca, il cuore rallenta e il pollastro torna su: “Pe stavolta passi regazzì; solo perché ‘n c’ho voja de correte dietro!”. ALDO, GIOVANNI E CLAUDIO.

CANDREVA VOTO 8,5: Il sultano più falso e unto dell’occidente incanta tutti. Con le sue bellissime scarpette rosse in pelle di Gabibbo sigla una doppietta. Ma che Allah arridesse alla Lazio si era capito già da quando qualche entità superiore aveva vietato a Candreva di sparare direttamente in Sardegna la punizione dal limite ed averla lasciata a Parolo senza chiedere parenti in cambio. GENEROSO.

KEITA VOTO 7,5: Corre sempre ma davanti alla porta mangia più di Galeazzi e Gerry Scotti messi insieme. La cresta produce troppa resistenza aerodinamica ma questo lui non lo sa e supera Cacciatore in velocità senza scarpe, all’indietro e frustato da Tare in tribuna. CACCIA AL KEITA.

DJORDJEVIC 5: Il giorno del compleanno di Chinaglia vuole fare bella figura, così si limita a fare ciò che sa fare meglio: Scattare lentamente in profondità, stoppare male, tornare indietro arrancando, passarla all’avversario. Ripetere. Ripetere. Ripetere. Dare il 5 a Matri. Tornare a casa. Prendere Jovana. Su. Giù. Ripetere. COFF COFF.

Se avete letto tutto adesso potete correre a dire a Bisevac che le bistecche son più buone cotte. A gesti magari comprende meglio. E attenti alla clava chiodata, non ha paura di usarla.

STAY ANGRY STAY MORIS CARROZZIERI!

A cura di Lorenzo Ricci

 

VOTA IL MIGLIORE IN CAMPO DI LAZIO - CHIEVO VERONA

Visualizza i Risultati

Loading ... Loading ...

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!