Pagelle “ignoranti” Bologna – Lazio




PAGELLE IGNORANTI TIME:

STRAKOSHA VOTO 6,5: Sembra e ripeto SEMBRA sia riuscito a prendere il posto da titolare. Quantomeno finché Marchetti resterà rinchiuso nel bunker 2×3 costruito appositamente. Quelle poche volte che viene chiamato in causa risponde; certo, sempre sperando sia lo spaccino pakistano che lo avvisa del nuovo carico, ma comunque risponde. EDUCATO.

BASTA VOTO 6,5: Apprezzabili le doti da contorsionista per controllare i palloni a mezz’aria ma se continua così finisce in Paideia con le ginocchia al contrario, e senza aver prima infamato alcun boss mafioso notoriamente vendicativo. YURI CHECHI.

DE VRIJ-HOEDT VOTO 6,5: Concedono un po’ troppo e non sempre eccellenti nei disimpegni. Ma d’altronde il clima teso lo si nota da lontano; da quando Hoedt ha scoperto De vrij mettergli le corna con Bastos e Wallace, non c’è più lo stesso affiatamento. TRADIMENTI ORANGE.

RADU VOTO 6,5: Finalmente torna a dominare sulla sua fascia e instaura subito una dittatura che va avanti a Alcol da supermercato e nostalgia de “Romania casa mea”. Si sfoga sugli altri. Poco male. ALADEEN.

BIGLIA VOTO 6,5: Perde più palloni di me da piccolo tra tetti, giardini altrui e vicini armati in pessimo rapporto col calcio, specie se a giocare è un moccioso di 10 anni che ti sfonda le finestre perché deve imitare Zarate. R.I.P. SUPER SANTOS/TELE.

PAROLO VOTO 7-: A fine partita vola per andare ad arrotondare lavorando in un supermercato. Corre per tutta la partita ma viene distratto dalle urla di Dzemaili. Zingari del cazzo, quando capiranno che non si entra nell’angolo rotture della Lidl? AAAAAAAAHHHH.

MILINKOVIC VOTO 7: Di testa le prende tutte e a breve gli implementeranno la possibilità di trasformarsi in un veliero. Così, tanto per aumentare lo spazio coperto. UPGRADE.

ANDERSON VOTO 6+: Una delle facce peggiori della Lazio oggi, nonostante i lineamenti angelici che assume al settimo Mojito. Si divora un gol nel primo tempo 1vs1 col portiere, ma questi sono i risultati della dieta “Lotito” (valida solo per i giocatori), dove si passa solo l’acqua della sorgente e al massimo un qualsiasi cereale appena colto. Non è per risparmiare. No. BACK TO THE SCHIAVISMO.

LULIC VOTO 7: Madonna gli assist che fa quest’anno. Nonostante i piedi; due ceppi poligonali che non farebbero invidia nemmeno a un lego. Fortuna che gli stupefacenti esistono. KOLAROV.

IMMOBILE VOTO 8: Doppietta in stile Klose, tanto per ricordare il 6-0 al Bologna. Tutto il resto della partita lo passa cercando su internet Nino d’Angelo che fa le cover di Battisti. Va bene tutto, ma la musica partenopea non si tradisce. UAGLIÓ TENG CIELJ MMENSJ E MMENSJ AMOR PÉ TÉ UAGLIÓNA MIJ.

STAY ANGRY STAY ANTONIO CASSANO!

A cura di Lorenzo Ricci

Giovanna Campagna
Sono nata il 09/04/1986 a San Gennaro V.no. Amo la Lazio grazie a Nesta; penso sia nata con l’aquila sul petto e, come dice Di Canio, “essere laziali finisce con il diventare uno stile di vita, un modo di sopportare e superare ogni tipo di difficoltà”.