Pagelle Empoli-Lazio 0-1




Finisce 0-1 al “Castellani” di Empoli contro la squadra locale, non senza qualche sofferenza di troppo per la Lazio. Ecco le pagelle dei biancocelesti:

STRAKOSHA 7.5: Salva la Lazio due volte, quella al 95′ vale i tre punti. Forse sbaglia anche lui in quell’azione, doveva uscire e far sua la sfera, ma la prodezza è da numeri uno. Deve migliorare sui rinvii.

WALLACE 5: Come al solito fa una cosa buona e due sbagliate, nel corso della stessa partita. Fino all’ultimo secondo non aveva commesso errori grossolani (tranne il trasmettere poca fiducia e sicurezza ogni volta che la palla era dalle sue parti, il che non è poco), ma poi al 95′ ha la geniale idea di lasciar passare la palla alle sue spalle, dov’è appostato Caputo che gli ruba spazio e tempo e non pareggia solo per un miracolo divino di Strakosha.

ACERBI 7: Probabilmente il migliore in campo, un guerriero che si conferma sempre di più. Ma non difende solo, lo trovi anche ad impostare a centrocampo o a cercare di colpire in attacco. Che acquisto! E la sgridata in faccia a Wallace sullo svarione finale di quest’ultimo, vale da sola il prezzo del biglietto…

RADU 6: Sfortunato Stefan, che è costretto ad uscire per infortunio muscolare nel corso del secondo tempo. Si spera nulla di serio, fino ad allora era stato sufficiente.

LULIC 6.5: Un altro che sta giocando un ottimo inizio di campionato ed è uno degli uomini in più. Il Capitano, protagonista di una seconda giovinezza, scodella cross e viaggia sulla fascia ad una velocità impressionante. Suo l’assist per il gol di Parolo, non è l’unico della sua giornata. Andreazzoli con lui rivede i fantasmi del 26 maggio. Qualche errore, però, lo fa nella fase difensiva, quando nella parte finale del secondo tempo, si lascia sorpassare tante volte con facilità da Di Lorenzo.

MILINKOVIC-SAVIC 5.5: Non è ancora il migliore Milinkovic e si vede. Quando ha la palla, gli basta una fiammata per accendersi. Ed è così che conquista palloni importantissimi, e si incarica spesso del tiro, come la prima occasione del match. Ma la mira non è ancora quella migliore.

LEIVA 7: Prezioso, come Acerbi, forse più di Acerbi. Conquista falli e palloni con mestiere ed esperienza, è insuperabile e fa filtro davanti la difesa. Negli ultimi minuti è sofferente ed è costretto a stringere i denti per non lasciare i suoi in 10, ma dovrebbe trattarsi solo di crampi.

PAROLO 6.5: Un inserimento micidiale, gol-partita. La sua gara può riassumersi così, poi si vede poco.

MARUSIC 5: Si fa notare poco, si vede che non sta bene. E il gol fallito nel finale, tutto solo davanti al portiere, è da censurare. Anche perché 20” dopo l’Empoli sciupa il clamoroso gol del pari…

LUIS ALBERTO 5.5: Non è al meglio, non è lui. Prova qualche verticalizzazione per Immobile, ma nulla di importante. Un paio di tiri rimpallati.

IMMOBILE 5.5: Troppo isolato, non è il solito Immobile, non attacca la profondità come sa fare. La Lazio ha assolutamente bisogno di lui, deve ritrovare il miglior se stesso.

CACERES 6: Entra al posto di Radu e mette il suo mattoncino per portare il risultato a casa.

CORREA 6: La giusta media del 4.5 dei suoi primi minuti e il 7 degli ultimi, nonostante la sua partita sia di circa 30′. L’ingresso infatti è da dimenticare: irritante, insolente, perde palloni facili, banali, troppo sufficiente, quasi senza voglia, sembra di giocare in dieci. Poi inizia a carburare e nel finale tutte le azioni di contropiede, ben condotte, passano da lui. Coglie un palo dopo un tiro di Immobile.

DURMISI S.V.

INZAGHI 6.5: Una vittoria pesante, in un turno in cui parecchie big fanno fatica a vincere. Per nessuno sarà facile sbancare Empoli, lui ci riesce ma la Lazio deve continuare a crescere.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!