Milan surclassato: è apoteosi biancoceleste




Lazio-Milan 4-1

Se questo era un esame di maturità, possiamo certamente dire che Inzaghi e i suoi possono passare direttamente a quello di laurea. La Lazio stravince 4-1 all’Olimpico contro il Milan. Non un Milan qualsiasi, ma quello costruito dai cinesi che in estate hanno speso 220 milioni per rifarlo da capo e dare agli uomini di Montella la possibilità di competere, almeno per i primi quattro posti, con mire di scudetto non troppe ostentate. Eppure, se il Milan è quello di oggi, farà una grande fatica ad arrivare in alto anche se non possiamo parlare di demerito rossonero ma di merito biancoceleste. La Lazio, la stessa negli uomini della Supercoppa, gioca una partita sontuosa, limita il “diavolo”, non rischiando quasi nulla se non nei 20′ centrali del secondo tempo quando gli avversari spingono al massimo per rientrare in partita. Una vittoria di questa portata, contro questo Milan (e non quello delle ultime stagioni) è davvero tanta roba. Ora sono 7 i punti in classifica dei laziali, peccato per quel pareggio alla prima contro la Spal.

E dire che questa partita ha rischiato di non giocarsi per via del forte nubifragio che si è abbattuto su Roma questa mattina. Intorno alle 12 arriva la notizia che la partita è rinviata, alcuni ne danno già l’ufficialità. E invece, un progressivo miglioramento delle condizioni del tempo (durante la partita non cadrà uno sghizzo di pioggia, alternando nuvole a schiarite) fanno slittare l’inizio della partita alle 16, per motivi di ordine pubblico più che di impraticabilità del campo, che invece regge alla grande anche per via dei teloni disposti su di esso.

Montella si presenta con l’ex di turno Biglia, fischiatissimo ad ogni tocco di palla dai suoi ex tifosi, Calabria e non Abate al posto dell’infortunato Conti, Montolivo con Cutrone e Borini in campo. Solo panchina per i neoacquisti Calhanoglu, Kalinic e Andrè Silva. I primi 10′-15′ sono tutti a favore degli uomini di Montella, che inizia nel migliore dei modi la gara mentre la Lazio fatica a ripartire e prendere in mano le redini del gioco. Ma, identicamente a quanto accaduto nella finale di Supercoppa, dopo 15′ la squadra entra in campo (non prima di aver rinunciato a Wallace per infortunio, entra Bastos) e inizia a macinare gioco e occasioni. Una grande occasione su calcio d’angolo, vede la palla allontanata solo sulla linea con un istinto felino di Donnarumma, la Lazio reclama due rigori per due contatti in area, ma al terzo il penalty arriva e dal dischetto Immobile fa 1-0. Passano pochi minuti e il 2-0 è di pregevole fattura, con Immobile che si coordina e in acrobazia batte Donnarumma. L’inizio della ripresa è ancora migliore rispetto alla chiusura del primo: l’ex Torino fa tripletta persona e si porta il pallone a casa su suggerimento di Donnarumma, poi sempre Ciro Nazionale ispira Luis Alberto da solo davanti la porta, che fa poker. Montella tenta il tutto per tutto con l’ingresso di Kalinic, Calhanoglu e Bonaventura e al 55′ Montolivo accorcia. Sono momenti un po’ difficili per la Lazio, il Milan mette sotto i biancocelesti che non riescono a rifiatare e ad uscire dalla loro metà campo, andando vicino a riaprire la partita. Ma passata la sfuriata i minuti passano, il risultato rimane invariato, c’è tempo per il debutto di Luiz Felipe e l’espulsione a tempo scaduto (fiscale) di Parolo. E’ 4-1, giovedì c’è il Vitesse in Europa League, domenica sera il Genoa a “Marassi”.

IL TABELLINO
LAZIO-MILAN 4-1

LAZIO (3-5-2) – Strakosha; Wallace (15′ Bastos), de Vrij, Radu (80′ Luiz Felipe); Basta, Parolo, Leiva, Lulic (65′ Lukaku); Milinkovic-Savic, Luis Alberto; Immobile. A disp: Guerrieri, Vargic, Patric, Marusic, Crecco, Murgia, Di Gennaro, Palombi, Caicedo. All: Simone Inzaghi

MILAN (4-3-3) – G. Donnarumma; Calabria, Musacchio, Bonucci, Rodriguez; Kessie, Biglia, Montolivo; Suso 773′ Bonaventura), Cutrone (55′ Calhanoglu), Borini (56′ Kalinic). A disp: A. Donnarumma, Storari, Abate, Antonelli, Zapata, Romagnoli, Locatelli, Mauri, André Silva. All: Vincenzo Montella

ARBITRO: Gianluca Rocchi (Firenze)

MARCATORI: 38′ rig, 42′, 48′ Immobile (L), 50′ Luis Alberto (L), 56′ Montolivo (M)

NOTE. Espulso: 93′ Parolo (L). Ammoniti: Lulic, Parolo (L) Bonaventura (M). Recupero: 2′ pt, 4′ st

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!