Lazio vs Sampdoria – 7 maggio 2017




La Lazio dopo la super-vittoria nel derby torna a calcare il prato dell’Olimpico, per affrontare la Sampdoria nel quart’ultimo incontro di questa stagione. Andiamo ad analizzare gli uomini di Giampaolo, l’avversario di turno!

schick

L’ANALISI

La squadra di Marco Giampaolo è la sorpresa del girone di ritorno. Dopo un inizio buono, fa seguito un autunno nero con parecchie battute d’arresto e con voci di un possibile esonero del tecnico ex Empoli. L’unica nota positiva fu il derby d’andata vinto sul Genoa. Nel ritorno però è un’altra storia dando ragione ai numeri che dicono che le squadre di Giampaolo per ingranare ci mettono un po’ di tempo. Le prime avvisaglie si hanno già nella gara che apre il nuovo anno, nella sconfitta per 2-1 di Napoli maturata solo nel recupero, e dopo essersi trovati in vantaggio fino a 10′ minuti dalla fine con un uomo in meno per un’espulsione inesistente. A lungo i blucerchiati sono stati la quarta o quinta forza se si contano i punti solo del girone di ritorno, risalendo fino alla parte sinistra della classifica e non potendo competere per i piazzamenti Uefa solo perché le prime sei-sette correvano troppo. Ma tante sono le soddisfazioni tolte: dalle vittorie con Milan e Roma al due su due nei derby, cosa che non capitava alla Samp da 60 anni. E ancora la vittoria di San Siro contro l’Inter che però ha un po’ chiuso questo ciclo, facendo iniziare una serie di alti e bassi per i blucerchiati che infatti non vincono da qualche turno di troppo. L’esplosione di Schick, è un’altra delle prerogative di quest’annata blucerchiata, che va ad aggiungersi all’attacco già collaudato di Quagliarella e Muriel. Il modulo di riferimento è il 4-3-1-2 e il gioco spesso si snoda in maniera dinamico e veloce anche grazie a Bruno Fernandes che gioca da trequartista. Altri importanti giovani sono Linetty e Torreira.

I PRECEDENTI

I precedenti in casa Lazio tra biancocelesti e blucerchiati parlano di un dominio laziale con 29 vittorie, 8 sconfitte e 13 pareggi. Un incrocio che porta molto bene alla Lazio che ha vinto 8 degli ultimi 10 incroci casalinghi. Una delle due eccezioni è proprio dell’anno scorso quando un gol di Zukanovic al 94′ pareggiò la rete di Matri in un periodo nero per i biancocelesti. Le ultime vittorie, invece, risalgono agli anni precedenti: 3-0 firmato da un Felipe Anderson-show nella notte della Befana 2015 con Mihajlovic, allora tecnico blucerchiato che disse senza mezzi termini che quella sera “Felipe Anderson sembrava Cristiano Ronaldo”. Andando a ritroso ci sono le vittorie per 2-0 nell’aprile 2014 e maggio 2013.

LA STELLA E GLI EX

La stella della Sampdoria, che gioca spesso di squadra e va in gol con quasi tutti gli effettivi, è Patrik Schick che però è in forse per la sfida di domenica. Ma il giocatore ceco è una sorpresa di questa stagione su cui molte big hanno messo gli occhi. Spesso subentrando dalla panchina è stato decisivo e realizzando molte reti nel girone d’andata, in quello di ritorno, complice l’infortunio di Muriel ha trovato più spazio e continuità sia nelle presenze da titolare che nei gol realizzati. E che gol: uno più bello dell’altro con realizzazioni da urlo. Non ci sono ex.

L’ANDATA

All’andata a “Marassi” terminò 1-2 con il vantaggio laziale maturato negli ultimi 5′ del primo tempo quando prima Milinkovic-Savic e poi Parolo chiusero la gara, e tra le due reti si contarono altre due grandissime chance per i biancocelesti. Solo nel finale del secondo tempo arrivò la rete di Schick che riaprì tardivamente la gara. Una vittoria importante per la Lazio che arrivò sei giorni dopo la sconfitta nel derby e che poteva significare crisi e mettere in salita la stagione. Ma la maturità della Lazio venne dimostrata (anche) quel giorno.

LA PROBABILE FORMAZIONE

Per Giampaolo ci sono tanti dubbi, soprattutto dettati dalle condizioni dei suoi. Non sono al meglio Viviano, Sala, Schick, Budimir e il rientrante Muriel che però potrebbero essere convocati tutti e quattro. In quel caso l’intera rosa sarà a disposizione del mister. I ballottaggi riguardano le condizioni dei giocatori sopra elencati a partire da Viviano-Puggioni in porta. Bereszynski, Skriniar, Silvestre e uno tra Regini e Dodò saranno in difesa. A centrocampo Barreto (anche lui al rientro), Torreira e Praet partono favoriti ma c’è anche Linetty che reclama spazio. Bruno Fernandes trequartista, Quagliarella davanti e sul suo partner è rebus viste le condizioni non al meglio di tutti. Alla fine la sceltà sarà tra Budimir (al momento in leggero vantaggio) e Schick.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!