Lazio vs Sampdoria – 22 aprile 2018




La Lazio domenica è di scena per la 34a giornata di serie A all’Olimpico contro la Sampdoria. Si torna in campo dopo l’impresa di Firenze, analizziamo l’avversario di turno!

quagliarella

L’ANALISI

La Sampdoria di Giampaolo è stata a lungo la vera sorpresa di questa stagione. Sempre attaccata alle prime posizioni e in continua lotta per i piazzamenti europei, dopo un girone d’andata costruito ad alti traguardi con una lunga imbattibilità casalinga costellata da sole vittorie, interrotta proprio dalla Lazio nella gara d’andata (e si era a dicembre). Differente del tutto, però, lo score in trasferta, dove la squadra ha rimediato poche gioie. Insomma andamento da big in casa, e da zona-salvezza in trasferta. Questi risultati altalenanti, uniti ad una flessione netta nel girone di ritorno, hanno portato il club doriano a perdere qualche posizione e non essere più in pole position per la qualificazione all’Europa League, obiettivo ancora possibile ma più complicato rispetto ad inizio anno: la concorrenza è tanta. L’1-0 con il Bologna, mercoledì sera, arrivato all’ultimo minuto, ha dato nuova linfa alla squadra blucerchiata, che adesso si sente ancor più dentro alla lotta per l’Europa. Il vero artefice dei successi sampdoriani è il tecnico, Marco Giampaolo, arrivato tardi nel calcio che conta ma dopo quanto fatto a Genova e precedentemente ad Empoli, si è attirato su di sè le attenzioni anche di club più blasonati come il Napoli. Il modulo con cui si schiera la squadra genovese è il 4-3-1-2, con Ramirez o Caprari ad innescare le punte Quagliarella e Zapata. Una compagine che non si accontenta mai, capace di importanti exploit, come il 3-2 alla Juventus (ultima sconfitta dei bianconeri) ma anche di debacle mostruose come lo 0-5 casalingo contro l’Inter. Una squadra da temere, poichè gioca un calcio verticale, a tratti arrembante e offensivo.

I PRECEDENTI

I precedenti a Roma tra le due squadre vedono la Lazio nettamente in vantaggio con 30 vittorie ad 8, solo 13 i pareggi. La cabala positiva contro i doriani, è risaltata negli ultimi 11 precedenti, tutti favorevoli ai biancocelesti con ben 9 successi e 2 pareggi. L’ultimo dei quali, due anni fa, in una gara beffarda per la squadra di Pioli che subì l’1-1 di Zukanovic, direttamente su punizione al 95′. L’anno scorso, invece, finì in gloria con la partita più pazza e ricca di reti del campionato: 7-3 il finale con i biancocelesti che ad un certo punto si ritrovarono sul 7-1, dopo aver condotto quasi l’intera gara in superiorità numerica. Altre vittorie da ricordare, nel corso degli ultimi anni, sono il 3-0 del gennaio 2015, un paio di 2-0 nelle due stagioni precedenti. L’ultima vittoria ospite è datata gennaio 2005 (1-2).

LA STELLA E GLI EX

Il miglior interprete della Sampdoria è Fabio Quagliarella, autore di una seconda giovinezza questa stagione, con ben 18 gol realizzati. Temibile anche Zapata e Caprari/Ramirez, oltre ad un centrocampo giovane e di qualità come Torreira, Linetty. Non ci sono ex.

L’ANDATA

All’andata terminò 1-2, con una grande prova da parte dei biancocelesti, una delle tante in trasferta quest’anno. La squadra blucerchiata veniva da tutte vittorie tra le mura amiche e andò in vantaggio con Zapata ad inizio secondo tempo. Quando tutto sembrava finito arrivò prima il pareggio di Milinkovic-Savic (a 10′ dalla fine) e in pieno recupero anche il gol vittoria di Caicedo, alla prima gioia in campionato in biancoceleste, gol convalidato dal Var dopo un po’ di proteste per un fuorigioco che non c’era.

LA PROBABILE FORMAZIONE

4-3-1-2 per Giampaolo. Davanti a Viviano ci saranno Bereszynski, Silvestre, Ferrari e uno tra Strinic e Regini. A centrocampo Barreto, Torreira e Linetty ma c’è anche Praet che reclama spazio. In attacco uno tra Caprari e Ramirez, dietro a Zapata e Quagliarella.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!