Lazio vs Fiorentina – 15 maggio 2016


La Lazio affronta la Fiorentina nell’ultima giornata di serie A in una partita che avrà poco valore per quanto riguarda le ambizioni delle due squadre già sicure rispettivamente dell‘ottavo e del quinto posto. L’unico motivo d’interesse sarà l‘ultima di Miroslav Klose con la maglia biancoceleste, per lui è pronta una grande festa.

I protagonisti di questa settimana sono Tiziana Varavallo, tifosa biancoeleste e Michele Viva, tifoso viola.

Tiziana è una tifosa campana della Lazio, vive a Orta di Atella in provincia di Caserta e grande passione per la sua squadra, mentre Michele ha 54 anni, è della bellissima isola di Capri ed è il presidente del Viola Club Giancarlo Antognoni Capri.

LAZIO TIZIANA VARAVALLO 

tiziana varavallo

1) Sei laziale ma campana, come mai e a cosa è dovuta questa scelta?

Sono laziale più o meno dal 94….ai mondiali USA 94′ appunto, vidi giocare Signori e Casiraghi, amore a prima vista, e iniziai a seguire loro e la Lazio…. Poi di Lazio ci si ammala inguardabile….

2) Quale partita della storia ricordi con più emozione e perchè? Invece quella che più ricordi con dispiacere e perchè?

Ho sempre vissuto la mia lazialità in modo spontaneo, naturale, sempre fiera dell’appartenenza,mai avuto problemi con altri tifosi. La partita più emozionante? Il derby vinto per 3-2 l’11/11/12 e non solo perché è stato il primo derby visto allo stadio, finito con una vittoria sofferta, ma anche perché lo vidi cn persone di Roma che avevo conosciuto sui vari social,persone stupende che ora incontro anche al di fuori dello stadio. La partita più brutta è stata Napoli-Lazio di settembre, a parte il risultato, mancanza di gioco di idee e di spirito.

3) Essendo campana come vivi la tua lazialità? Senti più il derby classico con la Roma o senti di più la partita con il Napoli come un “personale derby”?

Vivendo in una famiglia di tifosi del Napoli, molto tifosi del Napoli, ma anche molto sportivi non vivo la partita con il Napoli come un derby; il derby è uno, solo quello contro la Roma.

4) Un giudizio sulla stagione (ahimè negativa).. Di chi le colpe? Società, giocatori e poi dimmi la tua su Pioli e Inzaghi

Difficile dare un giudizio, una stagione pessima sia per la classifica finale sia per le prestazioni in campo. La colpa è della società in primis, per non aver fatto mercato, sarebbe servito un attaccante degno di questo nome e un difensore centrale, e di Pioli perché non solo è stato alle condizioni della società senza pretendere altri giocatori validi, poi per cercare di trattenere giocatori importanti, ha spaccato lo spogliatoio. Su Inzaghi non posso dare giudizi , ha perso partite che o meritavamo di vincere e siamo stati davvero sfortunati, o contro squadre non a nostro livello tipo Juve; le altre le ha vinte, la squadra ha giocato come lo scorso anno, quindi non so quanto sia merito suo o di giocatori che sono ritornati a giocare come sanno fare, personalmente non credo sia pronto per allenare la Lazio.

5) Domenica sera si concluderà il campionato contro la Fiorentina e la carriera di Klose alla Lazio. Un pronostico per la partita e poi la tua sul campione tedesco

La partita di domenica per noi ormai non ha valore. Un pronostico è difficile, mi auguro in una vittoria per salutare nel modo migliore Klose che è stato importante, in alcune partite ci ha salvato, ma si è anche risparmiato per giocare nella Nazionale, Ma è un professionista, lucido nell’analisi delle partite e una legenda vera, non come qualcun altro.

 

FIORENTINAMICHELE VIVA

michele viva
1)Come mai questa passione per la Viola ? Ci parli un po’ di lei…

Cinquantraquattenne caprese, lavoro presso i Motoscafisti, facciamo conoscere le bellezze dell’isola, le sue grotte, le sue insenature e il suo splendido mare. La passione per la Fiorentina è nata nell’adolescenza perché era una squadra composta da giovani. Ora sono il presidente del Viola Club Giancarlo Antognoni Capri; è il primo club nato in Campania, al momento siamo una sessantina di soci ufficiali, più simpatizzanti che non sono ancora iscritti.

2) La passione per la Fiorentina l’ha portata a vedere varie partite della sua squadra allo stadio? Quale quella che più ricorda con emozione?

Sì anche se viviamo a chilometri di distanza non si riesce a stare lontano da Firenze e soprattutto dallo stadio. Lì vado sempre minimo 2-3 volte l’anno. La più emozionante (anche se ognuna ha la propria emozione) è quella dello scorso anno in Europa League contro il Tottenham vinta per 2-0, partita di ritorno al Franchi.

3) La Fiorentina non avendo una stracittadina propria, la partita che sente di più è con la Juventus. Vale anche per lei? O il suo “derby” è con il Napoli essendo campano?

Entrambe possono definirsi “derby”, la prima con la Juve per ovvi motivi, la seconda col Napoli perchè spesso la convivenza risulta un pochino problematica. penso valga anche per voi laziali campani.

4) Come giudica la stagione della Fiorentina? Un quinto posto finale che vale l’Europa League. Quali giocatori l’hanno sorpresa e quali delusa? Infine un giudizio su Paulo Sousa

Sono anni che siamo sempre nelle prime posizioni, quindi alla fine la squadra è ben impostata nel raggiungere l’obiettivo Europa. Nella prima parte di campionato meritiamo un 9 (non credevamo neanche noi che potessimo essere così in alto giocando un ottimo calcio), la seconda parte merita un 5 perchè si sono persi troppi punti in partite delicate e non di cartello, abbassando la guardia. Nel complesso Sousa dato che si è trovato alla prima esperienza in Italia, e Firenze è una piazza difficile merita un 6.5. Oltre a Borja Valero e Gonzalo Rodriguez, mi hanno sorpreso molto Astori, Vecino e Kalinic. Invece mi ha deluso Babacar.

5) Domenica sera si chiuderà il campionato all’Olimpico, contro la Lazio che è un po’ la bestia nera dei viola nelle ultime stagioni. Un pronostico?

Sì la Lazio è la nostra bestia nera, ma dato che ormai siamo alla fine penso sia una partita senza pretese… un pochino da spiaggia, quindi pronostico un pareggio, anhe se come tifoso Viola vorrei vincerla, per finire in maniera decorosa il campionato.
 ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Ringraziamo Tiziana e Michele per la disponibilità.

Se pensi di essere “un pesce fuor d’acqua” e vuoi essere il protagonista della prossima intervista, cosa aspetti a contattarci?

Contattaci

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!