Lazio-Milan 4-1




La Lazio stravince contro il Milan, 4-1. Ecco le pagelle dei biancocelesti:

STRAKOSHA 6: Inoperoso o quasi, deve solo compiere un intervento nella ripresa.

WALLACE S.V.: Sfortunato, speriamo non sia nulla di grave.

DE VRIJ 7: E’ un muro, non lascia passare una palla. E’ il ministro della difesa, speriamo che la condizione fisica lo regga questa stagione.

RADU 6.5: Buona la sua prestazione, ottimi gli anticipi. Esce stremato per crampi.

LULIC 6: Perde qualche pallone, ma è encomiabile per impegno e volontà.

PAROLO 6.5: Lavoro prezioso in mezzo al campo, non è appariscente, quasi non si vede ma fa una grandissima partita. Peccato per l’espulsione finale.

LEIVA 7: Lo stesso discorso fatto per Parolo, i suoi lanci sono ottimi e fanno dimenticare quelli dell’altro Lucas, oggi al Milan e che ha perso nettamente il confronto con il suo successore.

BASTA 6.5: Buona spinta sulla fascia, riesce a liberarsi spesso ma non viene sempre servito.

LUIS ALBERTO 7.5: E’ un giocatore nuovo, quasi un campione in questa Lazio, come un nuovo acquisto. Si conquista il rigore, regala assist ad Immobile e alla fine si mette in proprio con il quarto gol.

MILINKOVIC-SAVIC 6: Si è visto poco rispetto alle altre partite, ma c’era chi illuminava il gioco anche per lui.

IMMOBILE 9: Tripletta, si porta il pallone a casa, con uno dei gol in acrobazia. Regala l’assist per il quarto. Cosa aggiungere?

BASTOS 7: Sistema alcune situazioni difficili.

LUKAKU 6: Entra a partita decisa e si fa intravedere per sgroppate sulle fasce.

LUIZ FELIPE 6: Buono il suo debutto nel finale, con tanto di palloni allontanati dall’area di rigore con modi spiccioli sì, ma è ciò che richiedeva in quel momento la gara.

INZAGHI 8: Questa vittoria è tutta sua, il merito è suo e come al solito soprende tutto e tutti. Sembra un predestinato e di questo passo ci toglieremo molte soddisfazioni. Stravince la sfida con Montella sia sul livello tattico che tecnico.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!