La Lazio si regala un 3-1 a Firenze per il suo compleanno


fiorentina-lazio

Gran bel regalo per la Lazio che vince e convince per 3-1 a Firenze nel giorno del suo compleanno. Con oggi sono 116 anni di storia, trionfi e successi. Minuti di recupero pazzeschi, è successo qualsiasi cosa. Ma com’è possibile che questa Lazio è grande con le grandi e piccola con le piccole? Vallo a chiedere a Pioli, che ritrova i suoi ”figli-alunni” che si sono impegnati a scuola e finalmente hanno ottenuto i voti sperati,e che voti! Una Lazio mai doma, che domina la partita e vince una sfida difficile ma diventata facile sul campo con il passare dei minuti. Fa rabbia davvero se si pensa che questa squadra pareggia poi in casa con il Carpi senza mai calciare in porta.

Le formazioni sono quelle annunciate per i biancocelesti con Djordjevic e Keita che partono dal 1′ al posto di Matri e Felipe Anderson, mentre nella Viola fuori Ilicic non al meglio e dentro Mati Fernandez nel solito 3-4-2-1 di Sousa con Borja Valero dietro a Kalinic. La partenza è più viola che biancoceleste con una punizione di Mati Fernandez che sfiora di poco l’incrocio dei pali. Ma poi la squadra toscana finisce lì e sale in cattedra solo la Lazio: due palle gol nitide con Keità e Milinkovic-Savic (salvata sulla linea) prima del gol dello stesso Keità su assist di Djordjevic. Nel secondo tempo la Fiorentina esce fuori e prova almeno ad agguantare il pareggio buttando nella mischia Ilicic e Rossi. Azioni in serie: prima un salvataggio sulla linea poi un doppio intervento di Berisha miracoloso due volte su Rossi. Nel frattempo però la Lazio ha le occasioni per chiuderla con gli avversari troppo sbilanciati. Ma le azioni non vengono finalizzate e Matri si mangia un gol clamoroso all’85’. Poi nei minuti di recupero (ben 6) succede di tutto: prima al 93′ segna Milinkovic-Savic (scatenando la reazione dei fiorentini), poi subito dopo accorcia Roncaglia con un tiro dalla distanza dove Berisha fa un ”paperone” e infine con Felipe Anderson, appena entrato, servito con uno splendido assist da Candreva. E’ 1-3 il finale.

Grandissima prova, ma ora sapremo ripeterci con Bologna, Chievo e Udinese? Ah se la Lazio fosse sempre questa… Comunque si chiude il girone d’andata a quota 27 punti e il bilancio è negativo, mediocre ma non insufficiente, tempo per aggiustare le cose nel girone di ritorno ci sono a patto di giocare come questa sera.

19^ giornata di Serie A TIM

Stadio Artemio Franchi, Firenze

Fiorentina-Lazio 1-3

Marcatori: 45′ Keita (L), 93′ Milinkovic (L), 94′ Roncaglia (F), 96′ Felipe Anderson (L)

FIORENTINA (3-4-2-1): Tatarusanu; Roncaglia, G.Rodriguez, Astori; Blaszczykowski (54′ Pasqual), Vecino, Badelj (59′ Ilicic), Marcos Alonso; Mati Fernandes (74′ Rossi), Borja Valero; Kalinic.

A disp.: Sepe, Gilberto, Tomovic, Rebic, Bagadur, Suarez, Verdù, Babacar, Baez.

All. Sousa

LAZIO (4-3-3): Berisha; Konko, Mauricio, Hoedt, Radu (76′ Braafheid); Milinkovic, Biglia, Parolo; Candreva, Djordjevic (64′ Matri), Keita (87′ Felipe Anderson).

A disp.: Guerrieri, Patric, Mauri, Klose, Bisevac, Onazi, Cataldi, Prce.

All. Stefano Pioli

ARBITRO: Rizzoli (sez. Bologna). ASS.: Di Fiore-Vuoto. IV: Di Liberatore. ADD.: Calvarese-Nasca.

NOTE. Ammoniti: 19′ G.Rodriguez (F), 23′ Mauricio (L), 42′ Borja Valero (F), 48′ Parolo (L), 69′ Hoedt (L), 74′ Konko (L), 95′ Pasqual (F)

Recupero: 1′ pt; 6′ st

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!