La Lazio sfata il tabù trasferta e batte il Verona in rimonta.


Dopo le batoste di Chievo e Napoli, alla squadra di Pioli serviva un cambio di rotta immediato in trasferta. Cambio di rotta che è arrivato sullo stesso campo del delitto di un mese fa dove, una brutta Lazio, perse per quattro reti a zero contro il Chievo ma, ieri per fortuna le cose sono andate diversamente. Gli uomini di Pioli fanno capire subito che per il Verona non sarebbe stata una partita facile pressando tutti i portatori di palla e imponendo quel gioco che raramente si era visto fino a questo momento forse anche impreziosito dal rientro del capitano, Lucas Biglia, fermo dalla prima giornata di campionato contro il Bologna. Nei primi 45′ minuti è la Lazio che fa la partita andando pure in vantaggio da calcio d’angolo ma ingiustamente annullato per un fallo inesistente visto dall’arbitro Giacomelli. Altro episodio che fa discutere è un rigore non concesso alla squadra biancoceleste con trattenuta su Felipe Anderson in area di rigore da parte del difensore del Verona Helander, edverona-lazio‘è proprio lui che, al 33’ minuto segna il gol del vantaggio ma anche qui ci sono molti dubbi sulla regolarità del gol in quanto il portiere laziale viene spinto non riuscendo a intervenire sulla palla. Il primo tempo si chiude con la Lazio sotto di un gol. Nel secondo tempo il copione non cambia è la Lazio che fa la partita mettendo alle corde il Verona per ribaltare il risultato compiendo un vero e proprio tiro al bersaglio con 108 attacchi di cui 64 pericolosi e con un possesso palla del 65%,  cacciando quella grinta e voglia di vincere che era andata perduta. Al 63′ Pioli decide di cambiare qualcosa facendo entrare Keita e Mauri, neanche il tempo di entrare in campo che lo spagnolo, si procura un calcio di rigore  trasformato da Biglia. La partita potrebbe poteva prendere un brutta piega quando, all’81 minuto, Mauricio viene espulso per somma di ammonizioni lasciando la squadra in 10 per gli ultimi dieci minuti ma, ci pensa Parolo a mettere le cose apposto segnando il gol del definitivo 2 a 1 con un tiro dal limite su schema da calcio piazzato. La Lazio ritorna a vincere in trasferta(non vinceva in casa del Verona dal 91) rimontando il risultato ritrovando quel gioco e quella cattiveria che l’aveva contraddistinta l’anno scorso portandola ai preliminari di Champions. E’ tornata quella Lazio? Ancora è presto per dare sentenze ma se il buongiorno si vede dal mattino……

 

 Hellas Verona/Lazio          

CALCI D’ANGOLO
3
10
ATTACCHI
57
108
ATTACCHI PERICOLOSI
24
64
TIRI IN PORTA
1
3
TIRI FUORI
2
7
POSSESSO PALLA
35
65
CARTELLINI GIALLI
2
3
CARTELLINI ROSSI
0
1
SOSTITUZIONI
3
3
PUNIZIONI
14
17
RINVII DALLA PORTA
14
3
RIMESSE LATERALI
8
17
FUORIGIOCO
1
2
TIRI PARATI
1
0
FALLI
16
12
INFORTUNI
0
1
RECUPERO PALLA
83
63
Leonardo Buonanno
Sono nato a Firenze il 4/11/1992 ma vivo a Napoli da 23 anni. Frequento il secondo anno della Facoltà di Scienze Motorie. Il mio tifo per la Lazio è cominciato all’età di 8 anni e da lì è aumentato sempre di più fino ad ora. Studiando Scienze Motorie spero un giorno di poter fare parte anche io dello staff Biancoceleste.