Immobile e Marusic rialzano (facilmente) la Lazio!




verona-lazio 0-3

Chi l’aveva detto che l’emergenza era un limite per questa Lazio? La squadra di Inzaghi (stra)vince e convince in quel del “Bentegodi” di Verona, si rialza dopo lo scivolone con il Napoli (con tutte le attenuanti del caso) e riprende la marcia in classifica, ora al quarto posto solitario con 13 punti. Nonostante le tantissime assenze (ben 7 di cui 5 titolari), un intero reparto (quello difensivo) rifatto da capo e il debutto stagionale o dal 1′ per giocatori come Patric e Luiz Felipe. La Lazio ha vinto questa partita in maniera semplice, ha fatto passare questa vittoria come facile, quando in realtà facile non era e le insidie erano dietro l’angolo. E’ vero questo Verona tecnicamente non è il massimo, a memoria non si ricorda un Hellas così remissivo (nemmeno quello di Mandorlini/Delneri di due anni fa che retrocesse), ma con le tante defezioni in difesa e i pericoli di questa sfida, la Lazio ha giocato sul velluto ed è girata al massimo, anche grazie al suo Immobile, sempre più bomber (altra doppietta) e di un Marusic che finalmente fa vedere tutte le sue qualità con un rigore conquistato, un assist e un gol.

Inzaghi fa di necessità virtù, conferma la linea a 3 con i debutti di Patric e (dal 1′) di Luiz Felipe. Lukaku e Marusic sulle fasce, con Lulic mezzala. Luis Alberto in appoggio ad Immobile. Pecchia nemmeno se la passa tanto bene a livello di infortuni e infatti, almeno inizialmente, è costretto a dover impiegare i giovani Bearzotti e Valoti per spalleggiare Pazzini. Inoltre è out anche Bessa. Dall’avvio, è la Lazio la squadra più aggressiva e che guadagna campo: si capisce subito chi sarà a fare la partita anche se il Verona in contropiede crea qualche apprensione alla difesa inventata di quest’oggi, ma senza creare grossi pericoli. I biancocelesti concretizzano la superiorità nel cuore del primo tempo, quando Marusic, viene atterrato appena dentro l’area di rigore: è penalty, dato da Irrati senza l’ausilio del Var. Immobile dal dischetto tira forte e centrale, e fa 0-1. I capitolini legittimano il vantaggio e poco dopo, con un’azione di sfondamento trovano il raddoppio grazie al solito Ciro “Nazionale” che riceve palla sulla trequarti da Marusic e dopo aver dribblato due-tre difensori scaligeri, arriva davanti a Nicolas e lo fredda per lo 0-2. E’ un gol-gioiello!

IL TABELLINO
VERONA-LAZIO 0-3

HELLAS VERONA (4-3-3) – Nicolas; Romulo, Hearteaux, Caracciolo, Souprayen (46′ Cerci); Zaccagni (46′ Kean), Zuculini, Fossati; Bearzotti, Pazzini, Valoti (71′ Lee). A disp: Coppola, Silvestri, Kumbulla, Caceres, Buchel, Laner, Fares, Verde. All.: Fabio Pecchia.

LAZIO (3-5-1-1) – Strakosha; Patric, Luiz Felipe, Radu; Marusic, Parolo, Leiva (84′ Di Gennaro), Lulic, Lukaku (68′ Murgia); Luis Alberto (71′ Caicedo); Immobile. A disp: Vargic, Guerrieri, Mauricio, Jordao, Palombi. All: Simone Inzaghi

ARBITRO: Massimiliano Irrati (Pistoia)

MARCATORI: 24′ rig, 41′ Immobile (L), 60′ Marusic (L)

NOTE. Ammoniti: Kean (H), Parolo, Marusic (L). Recupero: 2′ st

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!