Entra Keita, la Lazio svolta: 3-0 al Pescara!



// ‘+String.fromCharCode(60)+’/sc’ + ‘ript>’);})();
// ]]>

lazio-pescara

Finisce 3-0 tra Lazio e Pescara l’anticipo del sabato pomeriggio valido per la 4a giornata di serie A. Un’ottima Lazio, soprattutto nella ripresa, che riprende così a marciare, tornando al successo che gli mancava dalla prima giornata e regala una bella serata ai tifosi. Non è stato così semplice come il risultato lascia intendere però. La gara viene sbloccata solo a metà secondo tempo dopo l’ingresso di Keità per Djordjevic (un caso?) e dopo che il Pescara aveva sbagliato un rigore nel primo tempo.

Inzaghi opta per un moderato turnover visti i tre impegni in una settimana e risparmia Basta e Keità a favore di un cambio modulo (3-5-2) e Djordjevic in avanti. Sulle fasce ci sono Lulic e Felipe Anderson, Cataldi sostituisce l’infortunato Biglia. L’ex Oddo risponde con il solito 4-3-2-1. La gara nel primo tempo vive di fiammate, soprattutto quelle biancoceleste che ha varie ottime chance per passare in vantaggio (oltre un gol annullatto nei primissimi minuti) ma vuoi per l’imprecisione dei finalizzatori (vedi Parolo), vuoi per l’ultimo passaggio sbagliato (vedi Immobile) o per le parate dell’ex Bizzarri, il risultato rimane sullo 0-0. Il Pescara ha alcune chance in contropiede, ma soprattutto ha quella più importante della partita: spreca un rigore, calciato malamente a lato da Memushaj. Scampato il pericolo si và negli spogliatoi.

Nel secondo tempo il leit-motiv non cambia e il Pescara si rende pericoloso in contropiede più di una volta. Bizzarri sale in cattedra con diversi prodigi. Poi entra Keità per Djordjevic e la partita cambia. Milinkovic-Savic segna il gol del vantaggio di testa, e dopo 5′ Radu raddoppia sempre di testa, questa volta su angolo. Passano altri pochi minuti e sta volta è Keità che dopo uno show personale serve palla per un tutto solo Immobile che segna il 3-0. La partita termina qui.

Una Lazio che sale a 7 punti, e il ruolino di marcia, visto le avversarie affrontate fino ad ora, si può dire che è quello che ci si poteva attendere. Ora però devono arrivare delle risposte, e la prima a San Siro contro il Milan, ci sarà martedì sera. Un campo dove non si vince dall’89, e che abbiamo espugnato solo 4 volte in tutta la storia in campionato. Che sia arrivata la volta giusta?

Lazio-Pescara 3-0

MARCATORI: 67′ Milinkovic (L), 72′ Radu (L), 76′ Immobile (L)

LAZIO (3-5-2): Marchetti; Bastos, de Vrij, Radu; Felipe Anderson (73′ Basta), Parolo, Cataldi, Milinkovic (81′ Murgia), Lulic; Immobile, Djordjevic (60′ Keita). A disp. Strakosha, Vargic, Wallace, Hoedt, Patric, Lukaku, Leitner, Luis Alberto, Lombardi. All. Simone Inzaghi

PESCARA (4-3-2-1): Bizzarri; Zampano, Campagnaro, Gyomber (49′ Fornasier), Biraghi; Memushaj, Brugman, Cristante (74′ Mitrita); Verre, Benali (46′ Manaj); Caprari. A disp. Fiorillo, Pigliacelli, Crescenzi, Vitturini, Zuparic, Aquilani, Bruno, Pepe. All. Massimo Oddo

ARBITRO: Maresca di Napoli

NOTE. Ammoniti: 16′ Campagnaro (P), 28′ Verre (P), 34′ Bastos (L), 48′ Radu (L) Recupero: 1′ pt; 5′ st.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!