Crollo a Napoli in 15′, la Lazio dura un tempo



Napoli-Lazio 4-1

Brutta sconfitta per la Lazio, che perde la terza partita consecutiva in campionato e lo fa nettamente, per 4-1, al cospetto del Napoli. Eppure i biancocelesti erano andati addirittura in vantaggio con De Vrij, giocando una sontuosa prima frazione di gioco, per poi crollare nei primi 15′ della ripresa, come ormai di frequente capita alla squadra di Inzaghi. Un copione già visto, dunque, come all’andata: vantaggio di De Vrij, un grande primo tempo e poi il crollo nella ripresa fino all’1-4 finale. Se però, allora, si era messa contro la sfortuna con i ben 4 infortuni in una gara, questa sera la musica è stata diversa, con il Napoli nettamente più forte che ha mostrato tutta la propria forza, con solo 9 punti persi in 24 giornate. I primi 40′ di gioco sono stati perfetti, il problema è arrivato nella ripresa: quando la squadra va in bambola, subisce troppe reti. Si apre la prima vera crisi per Inzaghi e ora dovrà star attento a gestirla. La lotta è aperta ancora su tutti i fronti ma bisognerà correre ai ripari. C’è una difesa da sistemare da capo e ritrovare se stessi. Perdere a Napoli ci può stare, così come a Milano, è più la sconfitta casalinga con il Genoa che brucia tantissimo, per una classifica che potrebbe vedere i biancocelesti scendere dal terzo al quinto posto in una sola giornata.

Sarri si affida ai titolarissimi con la sola eccezione di Tonelli al posto dell’infortunato Albiol (out anche Chiriches), recuperano Hysaj e Mertens. Inzaghi lascia a casa lo scontento Anderson e si affida al solito 3-5-1-1 scegliendo Wallace nel pacchetto arretrato con De Vrij e Radu, non sarà una buona scelta. I biancocelesti partono subito a mille e dopo 4′ sono già in vantaggio con il centrale olandese, che spinge in rete un cross dalla destra. Il Napoli prova a reagire, ma ha difficoltà a costruire occasioni degne di nota, la Lazio si difende compatta alla grande e quando può riparte in contropiede molto pericolosamente. L’unico modo, allora, sono le giocate al volo, i lanci a scavalcare la difesa biancoceleste con i folletti del tridente azzurro ad inserirsi. E proprio così nascono alcune chance che Insigne spreca, ma non Callejon al 42′. Strakosha è battuto, è 1-1. L’azione nasce dopo un fallo di Leiva su Mertens, con giallo per il brasiliano che, essendo diffidato, salterà la gara contro il Verona.

La ripresa? La Lazio in pratica non scende in campo, rimane negli spogliatoi, e il Napoli fa quello che vuole. Sfiora il gol in apertura con Insigne due volte, che prima va con un tiro a giro rasoterra da dentro l’area piccola, poi si divora un gol a porta vuota, praticamente fatto. Ma al terzo tentativo gli azzurri passano, grazie ad uno sciagurato autogol di Wallace che si veste d’attaccante partenopeo e batte in scivolata rasoterra Strakosha che stava per arrivare comodamente su un cross messo dalla destra da Callejon. Nemmeno il tempo di riportare la palla al centro che Mario Rui e Zielinski confezionano il 3-1: tiro del terzino, rimpallo sul polacco e carambola alle spalle di Strakosha. E’ il colpo del KO, che stenderebbe anche un toro. Inutili gli ingressi di Lukaku e Caicedo, anzi è il Napoli ad avere altre due chance ma Strakosha mette una pezza su Zielinski prima e Insigne poi, salvando almeno l’onore. In mezzo, però, c’è il quarto gol partenopeo con un’azione da play-station, partita da Zielinski e rifinita da Mertens con tocchi di prima. E’ notte fonda, la Lazio dovrà assolutamente ripartire per non vanificare quanto di buono fatto nella prima parte di stagione.

IL TABELLINO
NAPOLI-LAZIO 4-1

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Tonelli, Koulibaly, Mario Rui; Allan (81′ Rog), Jorginho, Hamsik (46′ Zielinski); Callejon (85′ Maggio), Mertens, Insigne. A disp: Sepe, Rafael, Albiol, Diawara, Machach, Ounas. All.: Maurizio Sarri

LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Wallace, de Vrij, Radu; Marusic, Milinkovic, Lucas Leiva (67′ Nani), Parolo, Lulic (60′ Lukaku); Luis Alberto (61′ Caicedo); Immobile. A disp: Vargic, Guerrieri, Patric, Bastos, Basta, Luiz Felipe, Caceres, Murgia, Crecco. All.: Simone Inzaghi

ARBITRO: Luca Banti (Livorno)

Marcatori: 3′ de Vrij (L), 43′ Callejon (N), 54′ aut. Wallace (N), 56′ Mario Rui (N), 73′ Mertens (N)

NOTE. Ammoniti: Lucas Leiva, Milinkovic, de Vrij (L). Recupero: 2′ pt, 3′ st

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!