Buona anche la seconda per Inzaghi: 2-0 all’Empoli




lazio-empoli 2-0

La Lazio torna alla vittoria in casa, nella partita di debutto di Simone Inzaghi come allenatore della prima squadra allo Stadio Olimpico, battendo per 2-0 l’Empoli di Giampaolo. Una prestazione convincente, a tratti esaltante, che fa il paio con quella di Palermo della settimana scorsa. Non c’è che dire, meglio di così l’ex tecnico della Primavera non poteva iniziare. I gol sono stati messi a segno da Candreva su calcio di rigore e da Onazi. Anche se la stagione ormai è da considerarsi negativa e quasi conclusa, c’è un filo di speranza. E mercoledì si va allo Stadium contro la Juventus, partita che adesso fa un po’ meno paura.

Inzaghi conferma la formazione del debutto con il solo Hoedt al posto dell’acciaccato Bisevac. Giampaolo schiera il classico 4-3-1-2 con le esclusioni a sorpresa di Tonelli e Maccarone sostituiti da Cosic e Piu. La Lazio parte forte e si riversa in massa nella metà campo empolese e dopo solo 6′ trova il rigore che le dà il vantaggio. Sul tiro di Parolo, Cosic tocca nettamente con il braccio, stoppando di fatto il bolide dell’ex Cesena. Rigore indiscutibile (anche se l’azione nasce da una posizione dubbia di Candreva) che quest’ultimo trasforma agevolmente battendo Pelagotti. La Lazio continua ad attaccare con numeri di alta scuola, soprattutto di Keità, e il trio delle meraviglie là davanti (Keità-Klose-Candreva) và più volte vicino al raddoppio. Dell’Empoli non c’è traccia. A fine primo tempo, ottimo triangolo tra Klose e Onazi con quest’ultimo che finalizza l’azione portando i suoi sul 2-0. Nel secondo tempo c’è più accademia, la Lazio amministra anche se si divora altre occasioni ancora con Klose e Candreva. L’Empoli si rende pericoloso veramente solo a fine partita con una conclusione di Saponara che a tu per tu con Marchetti finisce fuori di pochissimo. Finisce 2-0, buona la seconda per Inzaghi.

La vittoria dà una tenue speranza per l’Europa, ma sarà molto difficile anche perchè il calendario è in salita. Certo è che un gioco così con Pioli si era visto molto raramente se non mai. A questo punto vengono i rimpianti: e se il cambio fosse arrivato molto prima, verso novembre, quando tutti lo chiedevano? Prossima risposta mercoledì a Torino.

LAZIO-EMPOLI 2-0
MARCATORI: 6′ p.t. Candreva(rig.), 44′ p.t. Onazi.
LAZIO (4-3-3): Marchetti; Patric (dal 39’ s.t. Basta), Hoedt, Gentiletti, Lulic; Onazi, Biglia, Parolo; Candreva, Klose (dal 26’ s.t. Djordjevic), B.Keita (dal 18’ s.t. F.Anderson). (Guerrieri, Matosevic, Mattia, Germoni, Mauricio, Cataldi, Morrison, Milinkovic, Matri). All. Inzaghi.
EMPOLI (4-3-1-2): Pelagotti; Laurini (dal 18’ p.t. Bittante), Cosic, Costa, Mario Rui; Croce, Paredes (dal 23’ s.t. Diousse), Buchel; Saponara; Piu (dal 14’ s.t Mchedlidze), Pucciarelli. (Pugliesi, Meli, Ariaudo, Zambelli, Camporese, Maiello, Krunic, Maccarone). All. Giampaolo.
ARBITRO: Cervellera di Taranto.
NOTEAmmoniti Keita (L), Parolo (L), Mchedlidze (E), Cosic (E) e Biglia (L). Recuperi: p.t. 1’, s.t. 4’.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Dona Online

Antonio Sarnataro
Sono nato a Napoli il 19/06/1993, laureato in Scienze della Comunicazione. Ho una passione smisurata per il calcio (la Lazio), il wrestling e la musica (italiana, Nek). Sono Laziale dal 2001 semplicemente perché… la Lazio era nel mio destino!